PERCHE’ IL NUOVO DOVREBBE AVANZARE

Con questo post vorrei spiegare il perchè di questo titolo.

Premetto che non mi sento a nessun titolo rappresentante di una frangia radicale, come va di moda etichettare in questi giorni chiunque esca dal seminato, e nonostante ciò mi sento stretto nei limiti che ci siamo imposti nel vedere la vita e nel valutare le priorità che ci governano.

Tutto ha avuto inizio con la lettura del libro “la decrescita Felice” di M. Pallante, dove si ipotizza una condotta di vita non improntata alla ossessiva ricerca della crescita economica e che non stabilisca in base a una semplice percentuale di crescita del P.I.L. (Prodotto Interno Lordo) la qualità della nostra vita.

In sintesi, si evidenzia come le nostre ideologie dominanti nella politica siano convergenti nonostante si dicano antitetiche, e soprattutto come non sia più chiaro chi sia il conservatore (storicamente la destra) e chi sia il progressista (la sinistra, nella comune definizione).
Entrambi gli schieramenti sono infatti fossilizzati sul pensiero unico di crescita economica come unico obbiettivo da perseguire e tendono a variare solo i mezzi con cui perseguirla; chi con il liberismo sfrenato, chi con la redistribuzione delle ricchezze.
Il risultato comunque porta all’instaurarsi di un sistema non sostenibile nel lungo periodo essendo fondato sulla necessità di crescita continua in un mondo che è comunque un sistema chiuso e finito.
La crescita è talmente importante che, come sottolinea Pallante nel suo libro, non è neanche più contemplata la decrescita nel dizionario dell’informazione, tanto che è stata soppiantata da crescita zero per definire la stagnazione e, peggio ancora, dalla crescita negativa per definire la decrescita (che se non fosse una cosa drammatica, sarebbe decisamente comica).

In nome di questo dogma si perpetrano nefandezze di ogni tipo e si prendono delle decisioni politiche miopi quanto scandalose nella loro arroganza lobbistica. In nome di questo dogma si rischia di negare un futuro ai nostri figli dopo che abbiamo rubato il futuro a una buona parte della popolazione mondiale.

Bisogna slegarsi dalla visione del mondo in termini monetari, ma iniziare a pensare in termini di sostenibilità delle nostre azioni.

Buona vita a tutti.

Annunci



    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: